News



07/09/2017

COMUNICAZIONE URGENTE PATROCINIO A SPESE DELLO STATO.

Gentili Colleghi,

all’inizio del corrente anno il Consiglio dell’Ordine ha attivato il servizio telematico per le domande di ammissione al Patrocinio a Spese dello Stato, anticipando quanto è poi accaduto in altri distretti e su tutto il territorio nazionale.

La ragione che ha indotto l’Ordine ad adottare tale sistema è stata, per un verso, quello di assicurare agli avvocati un servizio più rapido nell’evasione delle istanze, per altro verso quello di contenere i costi (postali e di segreteria) garantendo l’accesso alla Giustizia ai cittadini meno abbienti. 

Poste tali premesse, abbiamo verificato che, a sette mesi dall’avvio della piattaforma telematica, tendono a ripetersi – frequentemente - irregolarità nell’esame delle pratiche inoltrate al consiglio.

Inviamo, quindi, nuovamente le istruzioni da seguire per consentire la rapida evasione delle pratiche in carico al Consiglio, segnalando che il DPR 115/2002 prevede che il Consiglio:

  1. verifichi la ricorrenza dei requisiti reddituali. Analogo controllo sarà operato dall’Agenzia delle Entrate alla quale le delibere sono notificate. Questa è la ragione per la quale l’istanza è completa e ricevibile se corredata delle TESSERE SANITARIE/CODICI FISCALI di TUTTI I COMPONENTI IL NUCLEO FAMILIARE;

  2. verifichi la propria competenza a decidere l’ammissione della parte al beneficio a carico dello Stato. Questa è la ragione per la quale è necessario allegare documentazione che ne consenta il controllo;

  3. verifichi la NON MANIFESTA INFONDATEZZA della domanda. Questo è il motivo per il quale l’istanza deve essere adeguatamente motivata in fatto e diritto e supportata da documenti utili all’esame della stessa.

Poste queste brevi preliminari premesse, cogliamo occasione per invitare i Colleghi che depositeranno le domande di ammissione:

- per le pratiche già inoltrate, a verificare ed eventualmente integrare e/o chiarire le istanze non ancora esitate dal Consiglio, evidentemente perché INCOMPLETE. In caso contrario saranno respinte perché irricevibili;

- per le pratiche future, ad una maggiore attenzione nella creazione della busta telematica verificando che tutti i file e le scansioni pdf siano chiare e ben leggibili.

Con l’auspicio che la cd. piattaforma telematica possa finalmente entrare a pieno regime, garantendo un servizio quanto più veloce possibile ed assicurando un consapevole accesso al Patrocinio a Spese dello Stato, scongiurando l’eventualità che la nostra attività venga frustrata dalla revoca da parte del Magistrato alla conclusione del giudizio che ha visto l’avvocato impegnato nell’attività difensiva.

Con i migliori saluti

Il Consigliere Segretario              Il Consigliere delegato                  Il Presidente

Avv. Giovanni Arena                    Avv. Simona Mazzei                      Avv. Vincenzo Ciraolo





Ultimi Tweet


Realizzazione sito web Synthetic Lab