News



23/04/2012

Comunicazione sull'attuazione del D.P. n.52/11 del 26 ottobre 2011

TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER LA SICILIA
Sezione staccata di Catania

Il PRESIDENTE


Visto l'art. 37 del D.L. 6 luglio 2011, D. 98, convertito con legge 15 luglio 2011, n. 111, in base al quale:

- i Capi degli Uffici Giudiziari, sentiti i Presidenti dei rispettivi Consigli degli Ordini degli Avvocati entro il 31 dicembre di ogni anno, redigono un programma per la gestione dei
procedimenti civili, amministrativi e tributari pendenti (comma 1);
- ìn sede di prima applicazione, con il programma di cui sopra, da adottare entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore del decreto legge, sono indicati gli obiettivi di riduzione della durata dei procedimenti civili, amministrativi e giudiziari concretamente raggiungibili entro il 31 dicembre 2012, tenuto conto dei carichi esigibili di lavoro dei magistrati individuati dai competenti Organi di autogoverno (eomma 2).
Considerato che, in occasione dell'incontro con i Presidenti dei Consigli dell'Ordine ricadenti nel comprensorio territoriale di questo T.A.R., tenutosi in data 20.7.2011, sono state individuate le seguenti priorità:
-intensificazione dell'adozione dei decreti di perenzione, in modo tale da fare emergere le
pendenze reali, eliminando tntti i ricorsi per i qnali è venuto meno l'interesse ad Una decisione di merito.
(Si sottolinea, in proposito, che, con ordine di servizio D. 7 del 28.9.2011, è stato "potenziato" con l'assegnazione di altri due operatori, il settore che si occupa dell'emissione dei decreti di perenzione biennale di cui all'art. 82 del c.p.a., e per quelli di cui aU'art. 1, comma 2, allegato - -3 del c.p.a., mentre le pronunce sulle estinzioni ed improcedibilità dei ricorsi, di cui al combinato disposto degli artt. 35 e 85 del medesimo codice, restano a carico della Sezione presso cui il ricorso è attualmente Ineardinato);
-formazione dei ruoli di udienza, inserendovi dei ricorsi relativamente ai quali sono stati adottati provvedimenti di sospensione degli atti impugnati;
-presentazione di domande di prelievo per i ricorsi per i quali sussiste un effettivo interesse, in modo tale da favorirne l'individuaziooc e la conseguente trattazione;
-trattazione prioritaria dei ricorsi attinenti a questioni e materie che hanno ricadute in materia di occupazione ed investimenti economico-produttivi (appalti di ogni genere,
espropriazioni, occupazioni, risarcimenti del danno, edilizia ed urbanistica nei casi in cui si incide su investimenti rilevanti, contributi e fìnanziamentl, concorsi, specie se incidenti sull'occupazione);
-incremento delle sentenze brevi in sede cautelare.
Presa altresì visione dei criteri deliberati dal Consiglio di Presidenza della Giustizia
Amministrativa nella seduta del 15 settembre 2011, diramati nel sito intranet della Giustizia
Amministrativa il lO ottobre 2011;

DECIDE:


-di adottare il programma di riduzione della durata dei procedimenti, come su specificato, da valere sino al31 dicembre 2012;
-di invitare gli Avvocati interessati a segnalare alla Segreteria delle quattro Sezioni Pesistenza di ricorsi connessi o riguardanti questioni di agevole definizione, già decise con sentenze delle Sezioni medesime, al fine di agevolante la trattazioni mediante udienze tematiche; di invitare
gli avvocati medesimi a verificare Ja completezza documentate specie relativamente ai ricorsi per i quali già risulta fissata la data di trattazione;
-di invitare gli Avvocati al rispetto delPobbligo di sinteticità negli scritti difensivi;
espressamente sancito dall'art. 120, comma 6, del c.p.a. Analogo invito è rivolto ai Magistrati.
-di invitare i Direttori di Segreteria di tutte le Sezioni ad effettuare tutte le possibili ricerche per segnalare ai rispettivi Presidenti ricorsi relativamente ai quali siano state già comunicate, da parte dei rispettivi difensori, eventuali rinunce, cessazione della materia del contendere ed improcedibilità dei ricorsi medesimi;
-di inviare a tutti i Magistrati l'invito a manifestare il loro eventuale consenso alla possibile deroga agli ordinari criteri, puramente quantìtativì, sul carico di lavoro;
-di incaricare gli Uffici di Segreteria di inviare copia del presente decreto al Consiglio di Presidenza della Giustizia Amministrativa, ai Presidenti dei Consigli dell'Ordine degli
Avvocati delle Province di Catania, Messina, Siracusa., Ragusa ed Enna, ai Presidenti di Sezione, ai Magistrati ed ai Direttori di Segreteria di questo T.A.R.